Bari: condannate maestre

La gup del Tribunale di Bari Rosa Anna De Palo ha condannato alla pena di 3 anni e 4 mesi di reclusione le due maestre baresi, attualmente sospese dal servizio, imputate per maltrattamenti su 15 bambini di un asilo di Bari-Santo Spirito.

Quindici le piccole vittime delle maestre, otto si sono costituite parte civile: riceveranno un risarcimento danno provvisionale tra i 3mila e i 4mila.

La difesa delle maestre: “Metodi educativi”: ben 37 episodi di violenza che portarono anche all’arresto delle due maestre.

Gli abusi sarebbero consistiti in “schiaffi, colpi sferrati su tutto il corpo, strattonamenti, pedate, calci, forti scossoni sugli arti superiori, accompagnati anche dalla immobilizzazione delle mani finalizzati a costringere i bambini a stare fermi, trascinamenti lungo il pavimento, colpi dietro la nuca e una serie di terribili vessazioni e torture psicologiche, seguite da urla, minacce e gravi ingiurie”.

“Il primo obiettivo è stato raggiunto – ha detto ancora il legale delle famiglie – Una sentenza giusta, quindi. Una condanna giustamente severa sotto il profilo penale.

Apprezzabile anche la provvisionale che consentirà l’avvio della vera azione risarcitoria per i bambini e le loro famiglie”.

Francesca Romana Pisciotta